sabato 18 ottobre 2014

Tutto

Sabato sera. Resto a casa.
Tutte coppie che mi sbattono in faccia la loro felicità, non ce la faccio.

Oggi ho comprato un paio di scarpe, mi servivano. Sono entrata in negozio, ho scelte quelle che preferivo, mi sono seduta per provarle, c'era uno specchio davanti a me... non riuscivo a guardare l'immagine riflessa, troppo orrore.

Ho misurato in fretta le scarpe, ho scelto un paio e ho pagato, neanche mi piacciono tanto, sono poco femminili, IO SONO POCO FEMMINILE!

Penso molto al futuro in questo periodo. mi fa tanta paura quello che verrà domani... guardo la mia vita fino ad ora e non credo di riuscire a sopportare altro dolore.

Non riesco più a gestire la mia malattia, l'ho sopportata, l'ho combattuta, l'ho aiutata, l'ho difesa, l'ho offesa.... ora mi sta distruggendo lei, sta vincendo!
Sta vincendo sulla mia forza di andare avanti, non ne ho più.... immagino gli anni che verranno, quanto saranno difficili e quanto solitudine mi aspetta.

Colpa della malattia, solo colpa sua!
Vorrei morire

Penso a tutto quello che non potrò mai avere per colpa sua: una carriera, un amore, una vita piena!

Poi mi fermo, immagino, rifletto, piango e penso, invece, che sia colpa mia: merito il peggio perchè io sono il peggio, sono una persona orribile per questo ho la malattia; alle persone perfette non succedono queste cose, vivono felici, io sono imperfetta e merito tutto il male del mondo!

Colpa mia la malattia. il non aver nessuno accanto a me, il mangiare sperando che ingerendo cibo riesca a sentirmi meno sola, a scaldarmi, a sentire l'affetto che non ho; colpa mia il mio aspetto mostruoso, colpa mia se i capelli sono caduti, colpa mia i vestiti che non stanno, colpa mia gli sguardi della gente, colpa mia le prese in giro, i commenti cattivi e le battute; colpa mia e basta...


E allora forse è il caso di finire tutto qui davvero, di non continuare a soffrire inutilmente, basta un attimo e tutto il dolore scompare, tutto il dolore, tutto scompare.
Il dolore.

A.

Nessun commento:

Posta un commento

Il posto giusto per me

Perché ogni posto in cui vado non lo sento il posto giusto per me? Non so accontentarmi e pretendo cose impossibili, o davvero ancora non l...