giovedì 5 marzo 2015

Se scrivo la parola "cazzate" ancora una volta entro nel Guinness dei primati

Ok faccio cazzate... brutto ammetterlo ma ahimè le faccio anche io!!
Purtroppo anche di vari generi:

1- Cazzate alimentari: mi impegno per raggiungere lo scopo ma non sono abbastanza determinata.
Non voglio gli estremi voglio raggiungere un peso sano... ma non ci riesco! Quando lavoro è più facile, mangio a orari regolari, di solito me lo porto da casa per cui poche schifezze.... ma il fine settimana è un incubo! Mangio di più, mi sento in colpa, mi odio e mangio una schifezza... è un circolo vizioso e non so come uscirne!
2- Cazzate sociali (è una licenza poetica): continuo a conoscere ragazzi via internet, o meglio non li conosco davvero perché subentra la mia parte razionale che urla "potrebbe essere un serial killer" per non parlare dell'ansia del giudizio personale che mi distrugge.... diciamo che lo faccio per riempirmi tra giornata tra lavoro e treno!
Quello che mi piace è il fatto che non possono vedermi, non possono giudicarmi per il mio corpo, per la mia condizione... niente pressioni, io sono quello che che scrivo e questo basta! E se a quella persona non basta più io passo al prossimo... li uso in fondo!
Ma così non posso andare avanti... mi sento ancora più sola.... e io ricomincio a cercare qualcuno che mi ascolti.
3- Cazzate lavorative: Non riesco a dimostrare quanto valgo sul lavoro.
Continua il drammatico ruolo della stagista rincoglionita... dimentico qualcosa, potrei sempre fare meglio, mai niente è davvero perfetto! Continuo a fare cazzate insomma e la mia autostima è ai minimi storici!
Ce ne sarebbero a decine... ne ho scritte solo tre perché dicono sia il numero perfetto.... le vostre quali sono?!

15 commenti:

  1. Io ho imparato a fregarmene di tutto e di tutti, ero come te... e non sai come io viva meglio adesso. Mangia quando ti va, non farlo quando non ti va... io così ci ho perso 25kg senza fare nulla di eccezionale. ;) Credi più in te stessa che i ragazzi arrivano, tranquilla. ;)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio forse dal mio post sembra io sia una zitella acida ossessionata dagli uomini?!?? Giuro che non è così!!!! ahahahah
      Dovrò spiegare bene questa cosa in un post prima o poi!!! Qua mi sto facendo una cattiva pubblicità ahahaha

      Elimina
    2. No, no, io leggendo questa frase: "Quello che mi piace è il fatto che non possono vedermi, non possono giudicarmi per il mio corpo, per la mia condizione... niente pressioni, io sono quello che che scrivo e questo basta! E se a quella persona non basta più io passo al prossimo... li uso in fondo!" - Cosa dovrei pensare? Dimmelo tu ^^

      Ispy 2.0

      Elimina
    3. Hai ragione.... c'ho pensato! probabilmente questo blog e i post che scrivo dicono più di me di quanto io voglia, è il mio inconscio che scrive... e se tu percepisci questo è giusto così! Magari imparo qualcosa di me che non so... mi metto in gioco e leggerò con attenzione ogni vostro commento! ;)
      Grazie Ispy 2.0

      Elimina
  2. Di cazzate ne ho piena la testa, partendo proprio da quelle alimentari per cui mangiare due fette di pane in più equivalgono a troppe calorie da smaltire all' istante.. Così di continuo, cazzate fisse...
    Di sociali la principale è proprio quella di non uscire, mai un uscita nel weekend , solo per andare a lavoro, mai una bevuta, un aperitivo.. Perché ormai non ci trovo più gioia, più eperanza di divertirmi, di fare nuove conoscenze... È una vita che vorrei trovare persone interessanti, ma manco l' ombra.. È così mi rintano nella mia camera sorretta dalle solite scuse (ho sonno, sono stanc, mi fa male la pancia..) ...sentendomi sempre più sola..

    ... La tua alimentazione credo proprio sia un comportamento ansioso, il fatto di lavorare e mangiare normalmente significa distogliere la testa dai soliti pensieri fissi, malinconici... Più svago, più impegno in qualcosa ti aiuterebbero.
    Per quelli lavorativi direi che devi credere più in te stessa... E se fai uno sbaglio non logorarti troppo sopra, perdi tempo ed energie. Facile a dirlo, ma difficilissimo a farsi, lo so....
    Per i ragazzi, il tuo problema ricade su come percepisci il tuo corpo, sulla bassa autostima verso di te, la voglia di nascondersi e il riuscire a non farti vedere grazie al computer è una temporanea sicurezza che ottieni, ma destinata a cadere presto... Bisognerebbe trovare il coraggio di scoprirsi, dentro e fuori.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Ilaria, purtroppo mi manca il coraggio di fare tutte queste cose! Mi prende il panico e mi blocco, pensare di scoprirmi (dentro e fuori) è forte di ansia e attacchi di panico... so che questa non può definirsi vita ma non riesco ad affrontare tutto... preferisco stare nel mio angolino ed aspettare che in qualche modo tutto questo passi! :)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Cazzate?
    Io?
    Potrei scriverci un libro con le cazzate che faccio. Vuoi a lavoro, vuoi nella vita (?) fuori da lavoro, vuoi nella vita sentimentale (che non ho), vuoi tante altre cose, come il fatto che non faccio un pasto vero da forse una settimana, forse 3 giorni, forse non so più quanti giorni passano.

    Però le persone conosciute in rete sono sempre molto interessanti. Principalmente perché conosci prima loro e solo dopo vedi la persona. Come conoscere prima la mente attraverso le sue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é vero è bello conoscere la mente e far conoscere solo la mente e le parole di se stessi... niente pressioni, niente aspettative.
      Paradossalmente riesco a parlare più serenamente con chi non conosco perchè non ho nessun timore ad essere giudicata, o meglio non conoscendoli non mi interessa il loro giudizio.
      Il mio corpo non conta più, loro non lo vedono e io mi sento libera, esistono solo le mie parole e nessuno che mi giudica... :)

      Elimina
    2. Non esistono paradossi reali. Esiste solo il modo in cui sentiamo le cose. Se agli occhi degli altri ciò appaia come un paradosso sono problemi loro.

      Elimina
  4. Le cazzate,sono belle,brutte,fanno male,ti morderesti la lingua per averle dette,rimangono nella storia di te e i tuoi amici. Le cazzate sono sempre BELLE. Facciamone buon ricordo e uso! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho una marea di ricordi in qst senso! è vero la maggior parte sono belle... ma per alcune pagherei oro pur di tornare indietro e cancancellarle! :)

      Elimina
  5. Cazzate se ne fanno in continuazione. Tutti ne facciamo, chi più chi meno. Io (almeno, secondo il mio severo parere) più. Cazzate alimentari, a ripetizione, da anni. Ma credo che fare cazzate sia una cifra ineluttabile dell'umanità, e possiamo solo limitare i danni o farcele persino piacere.
    I flirt online, per esempio, se li vivi come un passatempo divertente non sono una cosa negativa, ma se ti senti in colpa perché ti sembra di usare delle persone, allora lascia stare.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando cerco di limitare i danni è il momento in cui ne faccio di più! XD
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  6. "Potrebbe essere un serial killer", capisco la paranoia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La razionalità mi salva sempre! :)

      Elimina

Il posto giusto per me

Perché ogni posto in cui vado non lo sento il posto giusto per me? Non so accontentarmi e pretendo cose impossibili, o davvero ancora non l...