martedì 16 giugno 2015

Il titolo proprio non mi viene oggi, capita

A lavoro sempre peggio, passo giornate dove praticamente non faccio nulla, tutti stanno andando via.
Chi viene trasferito, chi trova un altro lavoro, chi se ne va e basta....

A me ovviamente ancora non dicono nulla, o meglio sto aspettando che mi dicano quando ritenermi ufficialmente "disoccupata".
Potrebbe essere questa settimana o tra qualche mese, non lo so....

La situazione di non sapere è una cosa che mi pesa molto, io devo sapere esattamente cosa succederà altrimenti vado in ansia, iniziano le paranoie e non ne esco più! Purtroppo è uno dei miei limiti più grandi, non saper accettare le incertezze.

Sto provando a mandare altri curriculum in giro ma al momento nessuno mi ha risposto...

La sensazione che provo più spesso questi giorni è paura!

Paura di non riuscire a trovare un altro lavoro, di non essere abbastanza intelligente per farlo, di non essere abbastanza bella, di non essere abbastanza sveglia, di non essere abbastanza.
Ho paura di non concludere nulla nella vita, ho paura di aver sprecato tempo e di aver fatto sprecare soldi ai miei genitori.

Ho paura di partire ma ho anche il terrore di restare.

Ho paura di aver sbagliato tutto, e non poter tornare indietro per cambiare le cose... mi chiedo continuamente se ho fatto la scelta giusta per il percorso di studi che ho scelto, cioè a me piace molto ma non so se avrei dovuto seguire più un ragionamento logico!
Ma era il 2007, la crisi c'era, ma il peggio è arrivato dopo, se uscissi adesso dalle superiori sceglierei tutt'altro di questo sono certa. Forse diventerei un ingegnere frustrato, ma almeno avrei qualche sicurezza in più....

Invece mi ritrovo a 27 anni, con uno stage (quindi precario) sottopagato e al momento nessun piano B da mettere in campo!

Ho il terrore di trovarmi a casa senza fare niente perchè potrei impazzire: io devo muovermi in continuazione, se mi fermo penso (a me, alla mia vita, ai problemi, alla malattia, al futuro sopratutto) e se penso rischio di perdere la lucidità ed entrare in un vortice pericoloso per me.

Ho paura per il mio futuro, davvero molta!
Analizziamo la situazione: 27 anni, laureata con post laurea, non bella presenza, non particolarmente sveglia, poca esperienza lavorativa, con malattia genetica che si vede lontano un chilometro cerca lavoro.....

Ok sono spacciata!


12 commenti:

  1. è una brutta situazione ma cerca di trovare la stabilità nella tua vita su altri fronti. Purtroppo si sa qui com'è sul frangente lavorativo, non c'è da aspettarsi niente. Per trovare un lavoro non serve essere intelligenti, serve essere scaltri. Oppure, se credi che sia il momento adatto per farlo, cambia paese. Se sai un'altra lingua sfrutta questa conoscenza...all'estero è molto diverso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono finiti i fronti su cui puntare!! XD
      Lavoro no
      Salute no
      Amore no.... che è rimasto!?!

      Mi piacerebbe andarmene via ma non sono il tipo di persona che prende e parte da sola, proprio non ci riesco!

      Elimina
  2. Ti capisco e condivido gran parte delle tue ansie. Anche io ho paura di aver sbagliato percorso universitario, di aver fatto spendere soldi inutilmente ai miei e di dovermi ritrovare tra qualche anno a rimpiangere l'egoismo o forse l'edonismo che mi ha portata a fare questa scelta, ma è inutile fasciarsi la testa prima di rompersela e credo valga lo stesso anche per te. Non puoi lamentarti di essere una fallita e una disoccupata prima ancora di aver perso il lavoro: valuta bene le tue opportunità, manda curriculum a raffica e non farti frenare dalle paure legate al tuo aspetto, la bella presenza è richiesta in pochi lavori, il cervello è gradito in tutti.
    In bocca al lupo e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 euridice, crepi il lupo :)

      Elimina
  3. Non sei spacciata, no, no, no e... no! Non dirlo più...
    Non pensarlo nemmeno....
    Non serve a niente attivarsi per la nostra 'distruzione', attiviamoci per le vittorie, per la nostra affermazione, per ottenere soddisfazione.
    Lo so' che è complicato e che ci sono molte cose che non vanno. Quanto ti comprendo, sai?
    Però quello che ho capito in questi mesi passati è che se ci mettiamo a guardare indietro, a vedere soltanto i difetti che abbiamo non ce la faremo mai. E' inutile, i miracoli non avvengono, salvo casi rari. Siamo la regola, non l'eccezione...c'è da rimboccarsi le maniche e prendere il positivo che c'è intorno.

    Tu continua a cercare, vai di persona in qualche luogo, parlane con conoscenti e amici.
    Anche io ho tanta paura di aver sbagliato. Di non aver fatto niente.
    Credo che abbia fatto tanti, troppi errori: scuola superiore sbagliata, università lasciata con la media del 29, cominciare a fare esperienza nel campo della ristorazione e bar, chiudermi in me stessa........

    Coraggio, ti mando un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ilaria, speriamo bene per entrambe! :)

      Elimina
  4. non ti arrendere...non lo faccio io che son piu' vecchia e non riesco a trovare una mazza di regolare da sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Magnolia, ci provo anche è molto difficile! :)

      Elimina
  5. ciao, grazie per il saluto che hai lasciato da me.
    contraccambio di cuore.
    quanto al lavoro traballante, per quanto valga l'esperienza di chi ci è passato, posso dirti che aspettare "la sentenza" passivamente non serve. serve, semmai, investire tutte le proprie migliori energie nella ricerca di un altro posto. la commiserazione genera commiserazione, l'energia, invece, genera altra energia, e da qualche parte ce ne abbiamo tutti una riserva, anche se a volte non lo sappiamo.
    un abbraccio
    matt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 1000 per essere passato di qua! :)

      Ma lo sai che manchi ad un sacco di gente!! Non ci credi?! Leggi qui.....
      http://indiecirighe.blogspot.it/2015/06/too-late-la-vita-i-blog-i-blogger.html

      :)

      Elimina
  6. io sto mettendo le mie cose in una sacca, dopodomani ultimo giorno di lavoro. La cosa che mi fa più male non è andarmene, ma il modo con cui tutto si è consumato, esattamente come si dismette un tavolo o una sedia. Senza umanità.

    Ma io sono più forte di loro, e più Persona, loro invece sono solo dei quaquaraquà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco perfettamente credimi!! ora non so cosa tu faccia ma io essendo stagista, sono l'ultima a sapere le cose, si vedono movimenti strani e nessuno si degna di dirmi niente, anche se chiedo restano tutti sul vago... vorrebbero farmi crede che non sanno niente dopo anni che lavorano insieme e il legame non solo lavorativo quindi che li lega... ma per favore...

      Raccogli le tue cose e non ti dispiacere troppo, non se lo meritano da quanto dici!
      Spero troverai presto altro... In bocca al lupo... :)

      Elimina

Il posto giusto per me

Perché ogni posto in cui vado non lo sento il posto giusto per me? Non so accontentarmi e pretendo cose impossibili, o davvero ancora non l...