giovedì 2 luglio 2015

I discorsi che non ti aspetti

I discorsi che non ti aspetti... sono quelli della tua collega più anziana, che potrebbe essere tua mamma.... che ti chiede cosa farai se accatterai la proposta di trasferimento oppure andrai via... che ti invita a prenderti tutto il tempo del mondo e a valutare con calma la situazione, e che poi ti dice una cosa che ti lascia spiazzata per la verità e allo stesso tempo la dolcezza con cui lo dice....




"Tu devi proteggerti, devi tutelarti! sei una ragazza capace e intelligente ma con la tua patologia e il tuo aspetto a parità di competenze ma non solo, ad un colloquio di lavoro prenderebbero una ragazza sana"

E poi ha continuato...

"Anche il fatto che sei così (intendeva grassa) devi farlo comparire come causa della tua malattia così da avere qualche agevolazione ed entrare nelle categorie di lavoro protette! (ha usato il termine obesità)"

"Ti parlo come ad una figlia...pensaci!"

Non so come ho fatto a continuare a respirare nonostante tutto, so benissimo che lei ha ragione da vendere ma sentirmelo dire fa così male oggi!

12 commenti:

  1. ognuno conosce il suo dolore, gli altri non ne hanno la capacità se non lo hanno vissuto o non sono sensibili.
    nn star male non tutti sono intelligenti anche nella loro buona fede.
    io ( che comprendo profondamente cio' che provi) ti dico ----FAI CIO' CHE SENTI----

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Magnolia, sicuramente farò come dici tu, nel senso che farò ciò che mi sento di fare e che mi va. é vero magari ha parlato in buona fede ma non mi conosce, abbiamo solo un rapporto di lavoro e niente di più per cui ho deciso di on dare peso alle sue parole!
      Grazie ancora :)

      Elimina
  2. Non ti curar di loro! Ma osserva e vai avanti

    RispondiElimina
  3. Quei discorsi che ti lasciano a bocca aperta, quasi senza respiro e con occhi stralunati...
    Non te lo aspetteresti mai.. non vorresti mai sentirtelo dire...
    Ma quando è detto, è detto. ("La frittata è fatta...!)
    E allora tu devi tenerne conto in piccole dosi. Riuscire a riflettere bene sulla persona di fronte a te, che ha parlato... Comprende quanto sia (bassa) la sua intelligenza e la sua esperienza in tali problematiche....
    Credo che in tal caso questa signora NON POSSA CAPIRE. E nemmno si sforza a farlo..
    E' la classica persona che parla, senza sapere cosa sta dicendo e sopratutto a chi...

    Fregarsene è impossibile, ma cerca di dare la giusta interpretazione e l'adeguato (ossia terribilmente basso) a queste parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é quello che farò... lei no mi conosce, non sa che percorso ho fatto nella mia vita sia psicologico che pratico per cui non me la sono presa troppo... li per li ha fatto male ma poi ho riflettuto e mi sono calmata! :)

      Elimina
  4. La delicatezza fatta a persona.
    Capisco la sincerità, io stessa detesto quando le persone mi parlano con tanti giri di parole, ma nessuno deve essere così diretto, specie quando la suddetta patologia e forma fisica sono già motivo di tristezza ed inadeguatezza cronica.

    Può anche avere ragione o no, questo lo devi valutare tu, ma... non so... queste sono cose che sai tu e nessuno dovrebbe permettersi tanta indelicatezza...

    Ma la tua forma fisica è una conseguenza della malattia? Hai provato ad andare da un nutrizionista per consigli sugli alimenti che aiutano o peggiorano la tua situazione?
    Forse, se già migliori questo fattore, smetteresti di vederti così male come ti vedi tu...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è diretta conseguenza, nel senso che non è "colpa della malattia"! Non mi gonfia o cose simili....

      Ma ho un brutto rapporto con il cibo anche a causa sua... sfondo molto attraverso quello che mangio per uci è un problema più psicologico che fisico la mia forma fisica...

      si dovrei e potrei migliorare...ho fatto già una dieta anni fa e persi 20 kg... ma devo essere onesta non ci tengo particolarmente al mio corpo, lo tratto male e con poco rispetto... spero di cambiare idea un giorno! :)

      Grazie per le tue parole Beky <3

      Elimina
  5. E invece mia cara non ti ha detto le parole giuste e ti ha detto una parziale verità,certo questo mondo è di merda,questo mondo chiude le porte anche per poco,nemmeno io non so se troverei facilmente un altro lavoro,per la mia età, per i miei studi scarni,per tante altre ragioni ma nessuno ha il diritto vero o no che sia di dirmi che ho dei limiti.
    Indefinata io a scuola per la mia timidezza ho avuto non pochi problemi perché le maestre e professori poi non lo comprendevano c' è mancato poco che dicessero a ia madre che avevo problemi d'apprendimento,ma non avevano capito un cazzo.Negli anni ho ben dimostrato di essere più avanti di quello che pensavano.Io sono andata avanti comunque e tu andrai avanti comunque molte persone a questo mondo hanno handicap eppure guarda alcuni di loro cosa hanno fatto nella loro vita grandi e meravigliose cose.Sul lato pratico ha ragione ma credimi tu non hai né di più né di meno le stesse possibilità che ho io e forse anche di lei.Tutto dipende da noi.
    Conosci la storia della lumaca che scalava la montagna tutti la prendevano in giro perché lei non poteva farcela eppure arrivò prima,perché si era messa dei tappi nelle orecchie e non potè in questo modo sentire chi gli urlava -non ce la puoi fare-,
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La storia della lumaca non la conoscevo ma grazie per avermela raccontata! ;)

      Beh devo dire che tutti i torti lei non gli ha avuti nel dirmi quelle cose.. ne ho viste e vissute abbastanza per sapere che in fondo ha ragione... ma come ho scritto negli altri commenti non ho intenzioni di darle troppo peso... non posso cambiare la mia condizione e sentirmi dire che no posso farcela (anche se è vero) non mi aiuta in questo momento... quindi ho fatto un bel respirone e ho cercato di guardare oltre...spero di riuscirci! :)

      Elimina
  6. La schiettezza nelle persone è una virtù rara, anche se a volte andrebbe moderata.
    Da un lato è apprezzabile, dall'altro fa sbattere contro un muro che vorremmo sempre illuderci non ci si sia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco quel muro.. ho sbattuto contro tante volte... ora non me la sento di battere di nuovo sopratutto che non sono io che ci sto correndo contro... aspetterò un po... per il momento sono riuscita ad evitarlo il muro, almeno per questa volta... la prossima lo affronterò! :)

      Elimina

Il posto giusto per me

Perché ogni posto in cui vado non lo sento il posto giusto per me? Non so accontentarmi e pretendo cose impossibili, o davvero ancora non l...