Facciamo il punto

Ok... facciamo un punto della situazione... giusto per capire da sola cosa sto facendo..vederlo nero su bianco fa sempre un certo effetto.




  1. Ho iniziato una piccola collaborazione con un azienda appena formata, che anagrammando significa fare un lavoro che in un agenzia seria pagherebbero oro...io curo la comunicazione social di un intera azienda ad una miseria.... ma almeno faccio esperienza... si dice così no?!
  2. Continuo a sentire una persona conosciuta su internet e so che non dovrei... non tanto perchè ci siamo conosciuti su internet ma perchè io mi rifiuto di farmi vedere e a lui non interessa... chiaro segno che io sono pazza e lui peggio di me... dovrei scappare e vivere la vita vera, ma non ne ho voglia, non ce la faccio preferisco stare chiusa nella mia stanza parlando un ragazzo che non sa neanche di che colore ho gli occhi...
  3. La dieta continua... alcune persone mi hanno detto che mi vedono dimagrita e mi ha fatto molto piacere devo essere sincera... purtroppo sfogo ancora molto sul cibo e questi di porta dritti dritti al punto 4...
  4. Mentre ero a fare la spesa una signora, assolutamente sconosciuta, si avvicina e mi dice parlando a voce alta...
- Sono caduti eh?!
- Cosa signora?
- I capelli ti sono caduti eh? Ma non ti preoccupare ricrescono... 

Io mi sono fatta rossa rossa e ho iniziato a fissare la scatola di yogurt che avevo in mano... c'erano altre persone intorno e hanno iniziato tutti a guardarmi... io ho cominciato a camminare/scappare da lei... 

So che detto così non mi ha fatto nessuna critica e che pensava mi stessi curando da qualche cancro visto che porto un berretto in testa ma mi ha fatto male lo stesso... perchè le persone non si fanno gli affari propri? Perchè non pensano neanche per un secondo di mettersi nei panni degli altri prima di aprire bocca e parlare?

Io non parlo con nessuno della mia malattia e sicuramente non ne parlo con una vecchia sconosciuta al centro del supermercato...

Ho camminato a vuoto nel negozio per mezz'ora, scappavo da lei e avevo paura di incontrarla, intanto pensavo a cosa potermi comprare per abbuffarmi: volevo prendere la pizza ma la commessa sicuro avrebbe pensato sei grassa e ti compri pure la pizza, I dolci li ho esclusi mi sentivo troppo in colpa visto le calorie.. ho optato per un pacchetto di patatine... sono corsa alla cassa per pagare poi in auto... e le ho mangiate tutte... una confezione da 100gr...

Sono tornata a casa..avevo dimenticato di buttare la carta... e mia mamma mi ha litigato per quello che avevo mangiato... ha messo la ciliegina sulla torta...


Questo è il punto per oggi!

19 commenti:

  1. per quanto riguarda il punto 2, ti direi di lasciare perdere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento faccio finta che sia tutto normale...pessima tattica lo so :)

      Elimina
  2. Mi dispiace tantissimo per questa esperienza al supermercato. A volte sembra che le persone lascino a casa il loro tatto e se ne escono con queste frasi. Non pensano a cosa potrebbero scatenare dentro coloro a cui rivolgono simili affermazioni.
    Ti seguo e ti mando un abbraccio. <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara! No effettivamente non lo fanno, la maggior parte delle volte sono molto dirette... ma ad onor del vero questa signora credo fermamente che non l'abbia fatto con cattiveria... forse curiosità! Sono io che mi lascio trasportare per così poco! :)

      Elimina
  3. Ciao, anche io come ho scritto in un mio post sento un ragazzo conosciuto su internet...e non so se incontrarlo o meno..penso di si..

    Per quanto riguarda la signora...vorrei provare a darti una spiegazione.. magari lei per prima tempo fa ha perso i capelli e le sono ricresciuti (la sua esperienza) e magari vedendo una ragazza giovane come ha pensato di venir vicino a te e rincuorarti... poi non so con che modi lo abbia detto..però credo questa sia una spiegazione possibile.
    Non credo sia una zabetta che è venuta lì a dirtelo così tanto per..o almeno voglio sperare per lei.
    Non sentirti offesa, magari voleva solo (a suo modo) rincuorarti.

    E mi spiace tu abbia reagito in quel modo, la prossima volta prima di agire d'istinto e correre a cercare qualcosa per abbuffarti prova a pensare che magari non ti è stato detto con cattiveria...siamo abituate a vedere la cattiveria in tutti .... magari è stata solo il gesto di una signora che ha passato qualcosa di brutto..o magari ha avuto una figlia che per una malattia ha perso i capelli...

    Poi magari mi sbaglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alexandra, effettivamente credo proprio fosse così, da quello che ho capito si era interessante perchè anche lei o un suo conoscente (non ho ben capito) aveva avuto dei problemi di salute... non voleva essere cattiva... il problema infatti sono io che reagisco male a qualsiasi cosa riguardi la mia condizione... e non è una cosa sana per me purtroppo!

      PS: Se non sbaglio era privato il tuo blog giusto... ma lo hai cancellato? non lo trovo più! Mi farebbe piacere continuare a leggerti! :)

      Elimina
  4. Sul punto due, io ho frequentato una ragazza per dei mesi conosciuta sul web. La realtà è sempre diversa, ahimè.

    Ho trovato inopportuno l'uscita della signora. Ti abbraccio per tutto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero è diversa, per questo forse mi guardo bene dal farlo diventare reale!

      Grazie Paolo, un abbraccio a te! :)

      Elimina
  5. Si sarebbe dovuta vergognare la signora non tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente devo solo imparare a gestire meglio queste situazioni :)

      Elimina
  6. Ciao Indefinita...
    .. L'episodio che hai raccontato deve farti riflettere, sopratutto le tue reazioni alla frase della signora, la tua manifestazione del dolore mediante l'abbuffata, l'allontanarsi velocemente sono tutti atteggiamenti impauriti e soffocanti...
    Soffochi la sofferenza con il pacchetto di patatine, scappi frettolosamente dagli altri, da chi ti ha detto qualcosa di poco carino e inaspettato...parli con ragazzi attraverso uno schermo, senza mai mostrarti realmente... ti rifugi sempre nel tuo angolino, nella tua "falsa sicurezza", senza affrontare davvero il mondo.
    Cosa speri di ottenere facendo così?
    ... Non ti sto' giudicando, non prendermi come "cattiva", voglio solo aiutarti a riflettere...
    Comprendo le tue reazionI, preferire di chiudersi a riccio fa meno paura, ci fa sentire protette... lo faccio anch'io. Anch'io evito, scappo da alcuni discorsi, soffro in silenzio.
    Ma la verità è che il mondo VA AFFRONTATO, a muso duro...
    La signora andava guardata negli occhi, rispondendole con un semplice "lo so', grazie" per terminare lì la conversazione, in fondo poteva benissimo dirlo in buona fede, senza nessuna cattiveria. Oppure bisognava dirle "non è come pensa", dirle qualcosa, indipendentemente dalla verità o meno, ma avere la forza di stare lì, a rispondere, senza scappare impaurita.
    Sono quasi certa che in quel modo ti saresti sentita un briciolo più forte, non avresti preso le patatine, non ti saresti sentita in colpa dopo.
    Secondo me è così che si innesca il circolo vizioso. Non si affronta un problema, un ostacolo oppure lo falliamo = siamo deboli, fragili, sciocche = abbuffate/restrizioni, qualsiasi sfogo con il cibo = sensi di colpa.

    Comunque (scusami per il noioso poema!) ti faccio i complimenti per la dieta, lo vedi che sei brava e che riesci nelle cose? Impegnati, ma concediti anche qualche premio per il lavoro svolto.
    E approposito di lavoro di nuovo complimenti. Nonostante la paga sia minima fare esperienza è un'enorme possibilità, molto più preziosa dei soldi (che non guasterebbero, lo so!) ... spero che piano piano tu sarai maggiormente compensata, ma intanto vai fiera per ciò che stai facendo!
    (Te lo dice una che non fa esperienza perchè in giro non c'è nessuno disposto ad insegnarle... ci si sente inutili e senza speranze....)

    Un abbraccio forte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto un quadro completo della situazione e come al solito hai indovinato! :) E sei una delle poche che mi fa commuovere ad ogni commento!

      Che dire... hai ragione su tutti i fronti.... in teoria so tutto, so che sbaglio, so che non dovrei fare così e che dovrei reagire... ma non sulla pratica poi non ci riesco... :)

      Avrei bisogno di una paura dalla mia vita per resettarmi e ricaricarmi ma ovviamente non c'è il bottone pausa... si va sempre avanti corredo e certo di stare dietro come posso!! :)

      Grazie mille Ilaria e un abbraccio!

      Elimina
  7. Le vecchie (ma anche i vecchi) sono come i bambini, poco filtro. Quindi non ti ci piuoi avvelenare più di tanto, non ne vale la pena ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.. sono imprevedibili e pericolosi! Per questo me la sono fatta passare quasi subito... non c'è molta scelta d'altronde! :)

      Elimina
  8. Ciao sono passata di qui per caso, anche io ho avuto un esperienza "simile" per un problema che ho.
    Tempo fa ero in treno, eravamo tutti in piedi come sardine e una signora che avrà avuto una cinquantina di anni mi guarda con una faccia in apprensione mi dice "tesoro siediti al mio posto, io posso stare in piedi tu in quelle condizioni no di certo, sederti è un tuo diritto", sono diventata di tutti i colori avendo già intuito che la signora in questione pensava fossi incinta, cosa che chiaramente non sono. E tutti attorno a me ascoltavano e mi guardavano, infatti ho cambiato vagone per il resto del viaggio; tutto questo solo perchè soffrendo di problemi all'intestino ho la pancia molto gonfia e tesa e soffro tantissimo psicologicamente per questo... insomma ultimamente ho preso un bel po' di kg perchè psicologicamente non sono al meglio.
    Non dare troppo peso a quello che dicono gli altri perchè alla fine molti non lo dicono nemmeno con cattiveria, ma si sentono in dovere di dispensare consigli a chiunque gratis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto spesso infatti ho incontrato persone che davvero senza conoscermi neanche di vista mi davano consigli su cosa fare e a chi rivolgermi... quella anche è una cosa che non sopporto! Come se uno fino a quel momento avesse vissuto in una grotta aspettando loro...

      Ne ho viste e sentite di tutti i colori in 27 anni.. non mi stupisco più di nulla anche se continuo a rimanerci male!! :)

      Elimina
  9. Ciao cara,
    quando hai scritto questo post ero senza pc e non ho potuto commentarti, sebbene avessi letto subito.
    Veniamo a noi.
    Punto 1) Sono già contenta per te che almeno ti sia capitato qualcosina da fare, proprio per sentirti meglio tu. Mi pare di ricordare che ti spaventasse anche molto l'idea di avere troppi vuoti di tempo, di sentirti inutile e così via.
    Siamo tutti sottopagati, sottostimati ed è una cosa tremenda; l'importante è sempre non farsi la guerra tra poveri, come si dice dalle mie parti, e non cader nel tranello di farsi del male l'un l'altro per avere quel pochino che dall'alto ci concedono, togliendolo ad altri. Il resto voglio sperare che migliori!

    Punto 2) Non sono la persona più indicata per risponderti perché non ho mai incontrato nessuno conosciuto in web in maniera anche solo vagamente romantica. Però mi sono ricordata ora scrivendoti che il mio primo vero ragazzo lo conobbi tramite una rivista di musica e ci scrivemmo lettere per un pezzo (la distanza non era infinita, ma ero piccola ed erano anche tempi diversi). Non è stata una bella esperienza, ma perché era uno stronzo, non perché ci fossimo frequentati solo a livello epistolare.
    Ti consiglio però di non farti trascinare eccessivamente in questa storia se non sei certa di saperti proteggere. Non fare del male a te stessa mentendo e mentendoti, non affezionarti se non hai garanzie che la persona sia pronta a comportarsi almeno civilmente (visto che manco quello possiamo aspettarci più..).

    Punto 3) e Punto 4) anche a me capita di sfogare il male che mi fa la gente sul cibo, mi è capitato spesso e credo che succederà di nuovo.
    Posso solo dirti che devi agire con violenza e disciplina nazista sulle tue emozioni, non schiacciandole ma analizzandole fino a che dimostrerai a te stessa che "le sensazioni non sono fatti", ovvero che le parole della gente spesso sono poco pensate e davvero non pensano di offendere!
    E bada che io sono contro a questo tipo di scusanti perché credo che con la postilla del "stavo scherzando" e simili vengano dette delle cattiverie pazzesche. Lungi da me giustificarle o favorirle!
    Dico però che in qualità di parole inutili, dette da persone che non sanno neanche perché stanno aprendo la bocca, dovremmo lasciarle andare via..senza soffermarci più su di esse, sul perché ci siano state dette e così via.
    E tu dirai qualcosa come "Ah, la fai facile"
    No, non la faccio facile, penso solo che tu ti debba amare di più e che il fatto di aver rispettato la dieta e aver fatto progressi dovrebbero solo farti sentire più sicura e consapevole della tua forza.

    Scusa se ho fatto un poema e scusa se magari sono stata un po' dura, ma ci tengo a non vederti più abbattuta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie 100 per questo commento... "devi agire con violenza e disciplina nazista sulle tue emozioni" è il consiglio più bello che mi abbiano mai dato :D

      Dovrei essere più forte è vero, in realtà so di esserlo altrimenti non saprei sopravvissuta fino ad ora... solo che ogni tanto mi piacerebbe che le cose fossero più semplici per me... non sempre lottare e faticare! :)

      Ti ringrazio comunque tanto per al tue parole, davvero tanto! :)

      Elimina
    2. Infatti sei forte, cavolo se lo sei.
      Ma capita che te ne dimentichi, la vita è talmente frenetica ed infame che a volte perdiamo di vista noi stessi..
      Sono contenta che le mie parole abbiano sortito un effetto positivo!
      Però qui vogliamo aggiornamenti, eh!

      Elimina

Direzione sconosciuta © 2014