lunedì 4 luglio 2016

Lacrime, Mare e Psicoterapia

Piango sempre, mai in pubblico e per pubblico intendo anche in casa di fronte ad altri... piango nel letto la notte.

Piango con le lenzuola sul viso per coprire eventuali singhiozzi, piango per stanchezza o per paura il più delle volte.

Piango perchè sono sola, o forse mi ci sento ma non lo sono ...ma la differenza per chi lo percepisce è poca. 

Mi manca il mare, farmi un bel bagno e sentire la salsedine addosso e la sabbia... ma anche quest'anno non posso... troppo grassa, troppo brutta, troppo malata, troppo calva...

Ci andrò il prossimo anno spero, se riuscirò a portare a termine questa stramaledetta dieta, se riuscirò a sembrare un po più normale anche io.

In due settimane sono stata tre volte in ospedale, e dovrò tornarci altre due volte entro questo mese... sono così sfiancata e senza forze, ho rinnovato tutta la burocrazia per il piano terapeutico del prossimo anno, visite e medicazioni varie..

Ho deciso di ricominciare a vedere regolarmente anche la mia psicologa, non ce la faccio da sola, mi sento sprofondare, come avere la sensazione di essere pesantissimi e cadere ma in realtà continui automaticamente a fare le stesse cose di sempre... è difficile davvero!

8 commenti:

  1. Tutto è possibile.
    Devi solo crederci e lottare perché sia così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho imparato che non è sempre tutto possibile purtroppo :)

      Elimina
  2. tesoro... mi dispiace leggere queste parole, ma sono sicura che chiedere aiuto alla tua psicologa sia la soluzione migliore. E' già stato un passo in avanti riconoscere che da sola non ce la fai... quando è così dobbiamo accettare l'aiuto.
    COntinua a lottare e vedrai che andrà meglio, piano piano.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che vada meglio, sono parecchio stanca ultimamente :)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Non posso far altro che unirmi a quanto già detto da Apprendista e Pulce. Non avere fretta, pian piano andrà meglio vedrai. Non scoraggiarti.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vi :) diciamo che mi piace fantasticare su come andrà tutto bene ma non so se succederà davvero... Io ci spero :)

      Elimina
  4. Mi manca il mare, farmi un bel bagno e sentire la salsedine addosso e la sabbia... ma anche quest'anno non posso... troppo grassa, troppo brutta, troppo malata, troppo calva...

    Ti scrivo quello che mi dice spesso il mio capo quando dico cose tipo "Mi piacerebbe andare in piscina ma non ho tempo, aspetto che il carico di lavoro scenda" e lui "Invece sbagli, ti dovresti abituare ad andare indipendentemente dal resto, il carico di lavoro non scenderà mai, si aggiungeranno sempre nuove cose da fare".

    Così dico a te: tu non vai al mare perché aspetti la condizione ideale (tu affermi "non posso... troppo grassa, troppo brutta, troppo malata, troppo calva...").
    È sbagliato: potrebbe essere che la condizione ideale non ci sarà mai, e tu fai a meno di andare al mare, cosa che invece ti piacerebbe e ti darebbe un minimo sollievo.
    Troppo grassa/brutta/calva non sono impedimenti: nessuno ti impedirebbe di andare per motivi del genere. Troppo malata... questo lo lascio giudicare ai tuoi medici: ti dicono che ti potrebbe fare bene o male andare? Se ti facesse bene, io (potendo economicamente) andrei di corsa...
    Non immagini quanto male possa fare limitarsi da soli in qualcosa di così innocuo (per gli altri) e benefico (per te) come il fatto di prendere ed andare a rilassarsi un attimo al mare.

    Non prendere male queste mie parole, non voglio essere importuna. Ovvio che decidi tu cosa fare. Da fuori, mi sono sentita di dirti così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei stata inopportuna! :) sono parole molto belle.... Hai ragione dovrei fare in questo modo ma non so se riuscirò a farlo sinceramente... Mi sento un po bloccata e impaurita in qst momento della mia vita... Spero passi in fretta!!
      Un bacio e grazie per le bellissime parole davvero :)

      Elimina

Il posto giusto per me

Perché ogni posto in cui vado non lo sento il posto giusto per me? Non so accontentarmi e pretendo cose impossibili, o davvero ancora non l...